Blog: http://Pachinos.ilcannocchiale.it

La Sicilia Noto bovemarino inghippi burocratici per il villaggio turistico

san lorenzo

Inghippi burocratici
per il villaggio turistico

veduta di s. lorenzo
Noto. Dalla procedura di variante "semplificata", all'archiviazione, fino alla recente richiesta di verifica ambientale. È questo l'iter di una richiesta di variante urbanistica avanzata da una ditta di Siracusa. Il fine dell'istanza è di realizzare un complesso turistico ricettivo in contrada Bove Marino (siamo nella zona di San Lorenzo) su un lotto di 58.599 metri quadrati. Queste le dimensioni dell'intervento: superficie coperta 4.100,70 metri quadrati, volume di metri cubi 36.744,80. Tutti i numeri e i dati sono riportati nella determina del responsabile del Suap numero 8 del 19 settembre 2012. Con la stessa determina veniva convocata la prima conferenza di servizi prevista per lo scorso 31 ottobre 2012. In quella sede venivano richieste alcune integrazioni documentali alla ditta proponente. Integrazioni per le quali la ditta richiedeva una proroga e che però l'ufficio comunale, il Suap (sportello unico per le attività produttive), visti tempi strettissimi della procedura, riteneva di non accordare con questa motivazione: "in quanto la ditta deve necessariamente rispettare i tempi di avvio, procedura e conclusione del procedimento entro i termini di esame del progetto previsti dalla normativa vigente di riferimento". Seguiva nel mese di gennaio di quest'anno l'archiviazione della pratica. Oggi è il turno della "verifica di assoggettabilità" e cioè di chiarire se il progetto abbia possibili effetti negativi e significativi sull'ambiente. Una valutazione di competenza della regione, assessorato territorio e ambiente. Nella sostanza decidere se l'intervento debba essere assoggettato alla valutazione ambientale oppure no. Giorno 10 luglio è stato affisso un avviso all'albo pretorio del comune di Noto. Alla procedura può partecipare chiunque abbia interesse. Recita l'avviso della ditta: "chiunque abbia interesse può presentare entro il termine di 45 giorni dalla data del presente avviso eventuali osservazioni alla regione siciliana". Una procedura di grande trasparenza che può dare voce alle sensibilità imprenditoriali ed ambientaliste della città.
giuseppe fianchino


17/07/2013

Pubblicato il 18/7/2013 alle 10.39 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web