Blog: http://Pachinos.ilcannocchiale.it

Viaggio in Sicilia, 1821 tr. dal fr. del dot. G. Sclafani Di Johann Hermann Riedesel (freiherr von.)

Viaggio in Sicilia, tr. dal fr. del dot. G. Sclafani Di Johann Hermann Riedesel (freiherr von.)

Viaggio in Sicilia, tr. dal fr. del dot. G. Sclafani

 Di Johann Hermann Riedesel (freiherr von.)


Io paitii da Malta li 23 Aprile in una speronara di questa medesima is»la , ed andammo a guadagnare , così come l' avevamo faito al venire , la punta la più avanzata , ed il luogo ove il canale che dovevamo traversare, è il più corto. Questa punta La un piccolo porto, ed è ornata di una bella casa di campagna appartenente ad un commendatore ; questa parte chiamasi S. Giuliano . ISe partii alle ore undici della notte con un vento d' ovest freschissimo . Otto miglia circa lontani da Malta il mio piloto cambiò di bordo alla viita di un bastimento che paretegli sospetto , ma avendogli fatto riprender coraggio a forza di esortazioni vidimo ch'era una tartan» siciliana. Fmalmente abbordammo li a4 , a quattr' ore della sera , in Sicilia a Capo-passaro ( promontorium pachinum) , l' una delle tre parti dell' isola ; ma .nel fatto esso , cosi come l' ho osservato in quello di Lilibeo , non è che una lingua di terra che si estende nel mare, ed è assolutamente a livello col terreno vicino . Un vento del nord violentissimo mi obbligò di Irattenfrmi per mezzo giorno a Mazzamemi , ove si fa la pesca del tonno la più abbondante di tutu

la Sicilia . Qui più che altrove io Iio veduto iia le maechie dell'orzo e dell'avena salvagge, che si' producono naturalmente come l'erba . Molli naturalisti lian dubitato chi questa .semenza esistesse efTettivamifnte in tale stato salvaggio , il die frattaito è un faito di Tui io ne ho provo visibili ; al presente resta a sapere , se in Sicilia si è fatta la prima scoverta di questi grani, cosi come della maniera di fertilizzarne la- terra , e poi M è estesa di vicinanza in vicinanza ; e se una tale proprieta di questo territorio, e tale invenzione della maniera di metterla a profitto abbia dato luogo ai';i favola di Cerere e Tritolemo; oppure se tale grano salvaggio che ho veduto , proviene da' grani seminati e coltivati nel principio . ma poi degenerati : queste sono tante questioni cu' io non pretendo decidere .

Da Mazzamemi m'moltrai ad otto miglia di distanza nelle tene per vedere di passaggio Avola , piccola città singolarmente fabbricata e le di cui piantagioni e raffinamenti di zucchero meritano di essere veduti . Essa è fabbricata sopi a. un' altezza molto elevata , ma graziosissima , le sue strade hanno la medesima regolarita in piecole come quelle di Torino in grande . Pria dia gli Olandesi avessero iitro-. ato il segreto di fara lo zuchero con sì poca spesa per mezzo de' loro schiavi neri, coltivavansi in questo paese , a Mililii . ed in altri luoghi di questa costa molte canne da zucchero , con cui se ns potea provvedere tutta l'isola : ma sebbene siasi stabilita un' imposizione di uu oncia , o trenta carlini napoliia->

ni , per cai)Uro (li zuechero estraneo mtrodotte in Sicilia , gli Olandesi restano ancora in is'.ato di vendere i loro zuccheri di America a miglior conto de' piantatori del paese,'ai quali l'operazione considerevolissima e penosissima della preparazione dello zucchero costa assai più cara mentre agli Olandesi non costa niente .

La canna da zucchero cresce come tutte le altre canne , solamente resta più bassa; la si taglia in settembre', la si schiaccia in un molino , ed il sugo spremuto quindi si cuoce a diverse riprese ia differenti caldaje ed a differenti gradi di calore; esso a misura che prova questi differenti processi , si raffma , e finalmente lo si cola in delle forme ove s' indura . Lo zucchero di Sicilia ha più dolcezza di ogni altro zucchero , ma non è suscettìbile di ricevere il medesimo grado di bianchezza . lo fortemente dubito che gli antichi avessero conosciuto l' uso dello zucchero , dappoichè per quanto io sappia , non se ne trova alcuna traccia in vei un autere ; frattanto il nome di canne e boisie che denota la vera canna da iuccheio , dai Siciliani detta cannamela, sembra annunciare un'origine greea .

fonte:http://books.google.it/books?pg=PA57&dq=pachinum&id=-FsUAAAAQAAJ&hl=it#v=onepage&q=pachinum&f=false


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. italia viaggi malta sicilia mediterraneo siracusa pachino marzamemi portopalo

Pubblicato il 10/5/2013 alle 10.11 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web