Blog: http://Pachinos.ilcannocchiale.it

Pachino Promontorio La Sicilia Portopalo pescherecci incentivata la rottamazione

pescherecci

Incentivata
la rottamazione

pescherecci ormeggiati al porto di portopalo
L'Unione europea incentiva la rottamazione dei pescherecci. Per le flotte del Mediterraneo il quadro, a breve o medio termine, è la riduzione dei natanti a livello comunitario. L'obiettivo che vuole conseguire l'Ue è la diminuzione dello sfruttamento delle risorse marine attraverso la demolizione delle barche più vecchie ed inadeguate. Entro i prossimi due anni si avranno già numerose dismissioni con premio demolizione di circa 200mila euro. Il calcolo si farà sulla base della stazza e dell'anzianità dell'imbarcazione. Ma si può arrivare anche a 500mila euro per chiudere l'attività se il proprio peschereccio è particolarmente vecchio ed ha dimensioni oltre le 200 tonnellate. Le istituzioni comunitarie fanno leva, dunque, sull'incentivo economico per convincere gli armatori ad uscire dal settore. 
Per le marinerie italiane si tratterà di una svolta epocale e c'è già chi intona il «de profundis» per l'intero comparto ittico che in Sicilia, soprattutto, vive una crisi molto grave. Si parla di riconversione, magari attraverso attività di pesca-turismo. Le domande presentate sarebbero già numerose nel territorio nazionale. L'invasione di prodotto estero è massiccia in Italia. La quantità di pescato attuale non è sufficiente al consumo interno e si ricorre a prodotto in arrivo da Vietnam, Cina, Indonesia e Oman, pescato e lavorato a costi nettamente inferiori. Bisognerà vedere quale sarà l'impatto in Sicilia. Al momento, le preoccupazioni maggiori sono state espresse dai pescatori laziali. A Portopalo, dove la pesca continua a recitare, tra mille difficoltà, la parte principale nel sistema economico locale, sembra di assistere ad una situazione di passaggio epocale, con i giovani sempre più lontani dal comparto ittico, faticoso e poco remunerativo, e gli anziani che pensano a chiudere la loro fase lavorativa dopo anni di sacrifici in mare.
SERGIO TACCONE


15/01/201

Pubblicato il 16/1/2011 alle 6.48 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web