Pachino,Portopalo,Marzamemi...promontorio,noto,avola,siracusa,rosolini,ispica,pozzallo,siracusa,ragusa, Pachinos | Pachino Promontorio,pachino,portopalo,marzamemi | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

Internet-giornale, Pachino, Promontorio, Pachino, Portopalo, Marzamemi,Pachum.Pachynus
22 settembre 2010
PACHINO PROMONTORIO La Sicilia Rosolini Parco degli Iblei ll De Benedictis non sa di cosa parla... la perimetrazione deve essere definitiva e dovrebbe intergrare Vendicari e i Pantani della sicilia sud Orientale

«Parco degli Iblei, più chiarezza»

Il tema, ancora oggetto di polemiche, affrontato nella prima Festa Democratica promossa dal circolo del Pd

  • Martedì 21 Settembre 2010
  • Siracusa,
  • pagina 35

la prima festa democratica
Nell'ambito della I Festa Democratica promossa dal circolo del Pd rosolinese lo scorso fine settimana, hanno trovato ampio spazio i momenti dedicati all'approfondimento e al confronto su tematiche che toccano da vicino il territorio. Fra queste, il Parco degli Iblei la cui costituzione, nel 2007, ha suscitato e continua a suscitare opinioni discordanti. Ha aperto il dibattito Corrado Assenza, segretario del partito, soffermandosi sull'importanza di fare chiarezza su una vicenda che vede coinvolte istituzioni, mondo politico e forze produttive. Ricco e qualificato il parterre degli ospiti: Paolo Pantano del comitato promotore per il Parco, l'assessore provinciale all'Agricoltura Franco Latino, il deputato Roberto De Benedictis e il funzionario dell'assessorato regionale all'agricoltura Giuseppe Cicero. A svolgere il ruolo di moderatrice la giornalista Cecilia Galizia. Durante il dibattito si è cercato essenzialmente di capire quali saranno i pro e i contro dell'istituzione del Parco degli Iblei che giungerà a concreta realizzazione solo quando si concluderà l'iter della perimetrazione. Una prima ipotesi di delimitazione è in via di definizione ad opera della Provincia di Siracusa che sta interpellando i vari Comuni, tra cui Rosolini, associazioni di categoria, ambientalisti ed operatori economici. Pantano ha elencato i vantaggi che deriveranno dalla nascita del Parco, quali la tutela dell'ambiente, lo sviluppo di un turismo ecosostenibile, il rilancio dell'economia, ed ha invitato l'amministrazione rosolinese ad impegnarsi affinchè le cave presenti nel territorio comunale siano inserite nella perimetrazione. Si è fatto interprete dei timori nutriti da alcuni allevatori ed agricoltori l'assessore Latino il quale ha paventato il rischio che i vincoli imposti dal Parco possano frenare e penalizzare le aziende agricole e zootecniche. Timori infondati, secondo De Benedictis, per il quale il parco è sinonimo di qualità, innovazione, lavoro in rete, tutti elementi che mettono in moto l'economia. «E' meglio iniziare da una perimetrazione piccola ed intelligente, per partire bene- ha affermato l'onorevole- poi si potranno accogliere le richieste di adesione». Ha dato ulteriori rassicurazioni Cicero, spiegando che i vincoli del Parco non penalizzeranno le colture e gli allevamenti locali anzi ne aumenteranno il pregio. «Certe tecniche non si potranno più utilizzare- ha spiegato il funzionario regionale- ad esempio sarà proibito l'uso di prodotti chimici, ma d'altronde le aziende si stanno già orientando verso il biologico ed i prodotti ecocompatibili». 
L. S.


21/09/2010
15 settembre 2010
Pachino Promontorio La Sicilia news Pomodori tunisini spacciati per siciliani
Pomodori tunisini spacciati per siciliani 

Click here to find out more!


RAGUSA - Spacciavano i pomodorini provenienti dalla Tunisia per siciliani. Nel 2009 oltre 22 tonnellate di prodotti contraffatti sono stati venduti a ditte in tutta Italia. Lo ha scoperto la Guardia di finanza di Vittoria nel ragusano. L'indagine è coordinata dal procuratore di Ragusa, Carmelo Petralia. Sono stati denunciati tre imprenditori con l'accusa di frode in commercio e contraffazione di indicazioni geografiche dei prodotti agroalimentari.

Ad insospettire i finanzieri sono stati "i numerosi ed ingiustificabili passaggi che doveva affrontare il prodotto importato dalla Tunisia, prima di giungere al consumatore finale". Una ditta vittoriese importava il prodotto dalla Tunisia e lo rivendeva regolarmente ad una altra ditta, sempre di Vittoria.

I rappresentati legali delle due società sono parenti. "Quello dell'agropirateria è ormai un business da 60 miliardi di euro - dicono gli investigatori - A tanto, infatti, ammonta il volume d'affari internazionale nei confronti dell'agroalimentare "made in Italy", il più clonato nel mondo".

"Un plauso alle forze dell'ordine per il sequestro a Ragusa di una la contraffazione fa perdere di valore a prodotti tipici". Lo ha detto il direttore della Coldiretti siciliana, Giuseppe Campione, commentando il sequestro delle fiamme gialle di tonnellate di pomodorini tunisini che venivano spacciati per siciliani.

"Bisogna proseguire in questo senso per dare valore a nostre produzioni - ha aggiunto - Nonostante l'obbligo dell'indicazione di origine passano questi prodotti, bisogna intensificare i controlli".

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pachino portopalo marzamemi comiso vittoria

permalink | inviato da Pachinos il 15/9/2010 alle 14:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
1 settembre 2010
Pachino Promontorio video alcune poesie di Nuzzo Neri

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pachino marzamemi portopalo

permalink | inviato da Pachinos il 1/9/2010 alle 1:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
luglio        ottobre