Pachino,Portopalo,Marzamemi...promontorio,noto,avola,siracusa,rosolini,ispica,pozzallo,siracusa,ragusa, Pachinos | Pachino Promontorio,pachino,portopalo,marzamemi | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

Internet-giornale, Pachino, Promontorio, Pachino, Portopalo, Marzamemi,Pachum.Pachynus
20 luglio 2013
La Sicilia Dopo 20 anni Vendicari, la tartaruga e' tornata.By Cetty Amenta

Vendicari, la tartaruga è tornata

Dopo 20 anni le Caretta caretta hanno nidificato su un tratto di spiaggia della riserva

  • Venerdì 19 Luglio 2013
  • Siracusa,
  • pagina 28

UN SUCCESSO
I volontari: «Ci auguriamo che la riserva di Vendicari possa arricchirsi ancora. ...
Le tartarughe Caretta caretta depongono le uova nella Riserva naturale orientata di Vendicari. Finalmente premiato il lavoro dei volontari dell'Ente Fauna Siciliana, in collaborazione con il Dipartimento azienda regionale foreste demaniali, che da 20 anni con costanza monitorano gli arenili sabbiosi alla ricerca di tracce delle testuggini.
La scoperta delle orme del passaggio della tartaruga marina e il luogo di deposizione delle uova è avvenuta martedì mattina, da parte del segretario regionale di Efs Corrado Bianca che ha immediatamente informato i responsabili dell'Ufficio provinciale del Dipartimento azienda regionale foreste demaniali. Per i volontari, gli appassionati di Vendicari e gli ambientalisti è stata una grande emozione, un sogno che sta per realizzarsi, come traspare dalle parole dello studioso Pino Iuvara, accorso subito per fotografare e documentare l'evento.
Dice Iuvara: «L'anno scorso c'era stato un tentativo, andato in fumo probabilmente perché la Caretta caretta, disturbata da qualcosa, aveva preferito deporre le uova da un'altra parte. Tutto si era risolto con una piccola delusione, ma con la speranza che in futuro sarebbe andata meglio. Cosa che si sta verificando oggi».
Esprime soddisfazione il dirigente generale Pietro Lo Monaco, per il quale l'atteso evento è una conferma dell'efficacia delle azioni di protezione e tutela operate dal Dipartimento "Ente Gestore" della Riserva. Intanto, il dirigente provinciale Carmelo Frittitta e il dirigente Filadelfo Brogna hanno dato disposizioni al personale che opera in riserva di proteggere il luogo della ovideposizione sia da possibili animali predatori sia dalla curiosità, non meno dannosa, dell'uomo.
Il tratto di spiaggia interessato all'evento è da tempo chiuso al pubblico proprio alla luce del progetto di ricerca «ovideposizione Caretta caretta», per dare appunto alle tartarughe marine la possibilità di disporre di luoghi tranquilli per la riproduzione. Vale inoltre la pena ricordare che in questi arenili nidificano anche diverse specie di uccelli particolarmente protetti come il "Fraticello".
Quanto mai attuale l'espressione coniata dallo studioso naturalista Bruno Ragonese, scomparso nel 2004, che definì Vendicari «albergo degli uccelli migratori», a indicare un habitat unico, con un ecosistema rimasto inalterato e, grazie alla cura delle persone di buona volontà, non deteriorato dalla tecnologia e dalle modernità.
Per il "lieto evento", bisognerà aspettare settembre: solo allora si schiuderanno le uova e le tartarughine correranno verso il mare. A tale proposito gli operatori del Dipartimento Azienda Regionale Foreste Demaniali e i volontari dell'Ente Fauna Siciliana sono già in azione, pronti a vigilare affinché tutto vada per il meglio. «Ci auguriamo che la riserva di Vendicari possa arricchirsi ancora. Queste nascite vanno ad aggiungersi ad altri eventi positivi come la nidificazione dell'elegante Avocetta e la conferma per il terzo anno consecutivo della presenza di una colonia di Gabbiano Corso nell'isolotto».
Cetty Amenta


19/07/2013
29 maggio 2013
Memoir Descriptive of the Resources, Inhabitants, and Hydr William Henry Smyth - 1824 -


Memoir Descriptive of the Resources, Inhabitants, and Hydrography ... - Pagina 180

books.google.it/books?id... - Traduci questa pagina
William Henry Smyth - 1824 - Leggi - Altre edizioni
Leaving Vindicari, a fine bay extends towards Marzamemi ; and about the middle of it is a place called the Porticella di ... The Prince of Giardinelli has founded the town of Pachino on the hills, the church of which, with the windmill near it, are ...


Memoir Descriptive of the Resources, Inhabitants, and Hydrography of Sicily ...

 Di William Henry Smyth


Noto.—About seven miles from Avola, by a very pleasant road, passable for carriages, stands Noto, a city of thirteen thousand inhabitants, and the capital of the province of that name. It is superbly situated, and from its elegant streets, and noble churches and convents, forms one of the most respectable places in Sicily; while its adjacent grounds, though a considerable quantity of the land is left waste, possesses such abundant fecundity as to add greatly to its opulence. Baron Fargioni, who acted some time as British consul at Noto, has an excellent collection of Greek and Roman coins and medals; with the Saracenic and modern Sicilian money; and a tolerable cabinet of mineralogy, which are obligingly shewn on an introduction.

The ancient city was called Neetum, and was the birth-place of the crafty Ducetius, although he is also claimed as a citizen by the town of Menae: it stood on an impregnable hill, four or five miles distant, where, amongst the wrecks of 1693, there are still remains of an amphitheatre and a gymnasium; but, in consequence of the earthquake of that year, the natives removed to the present spot, which, though more conveniently situated, is very unhealthy. The air was originally bad, but it is rendered still more deleterious by the practice of steeping hemp, and though this injurious custom has been lately prohibited, the natives yet retain a pale, sallow aspect, and swelled bodies, which constitute the principal evidence of the existence of mal' aria.

Between the site of Neetum and Palazzolo are found the remains of the city of Acrae, and near them are some curious bas-reliefs on the rocks, supposed to be in honour of Cybele.

The river Abysso, so well known in history, under the name of Helorus, winds through the plain below, and from its beneficial influence on the surrounding lands, (which it irrigates in summer, and overflows in winter,) has been compared to the Nile of Egypt. The walnut, olive, almond, fig-trees, and vines, that luxuriantly abound, intermixed with myrtles, jessamines, oleanders, roses, aloes, and numerous aromatic shrubs, impregnating the soft and tranquil atmosphere with a delicious fragrance, and arraying nature in her gayest colours, seem to point out this as one of the spots where the comforts of a domestic circle would compensate for the evanescent enjoyments arising from the trappings, pageantry, and etiquette of ambitious grandeur. But, alas! wherever these beautiful vales occur, in southern climes, reptiles, misery, and disease, are in attendance; and thus in this delightful plain, (the scenery of which was sung by Virgil, and called Eloria Tempe by Ovid,) scarcely any habitations appear among its rich foliage, or on the banks of its meandering streams; and the few cadaverous natives that dwell there, are found idling and sleeping away the heat of the day, enfeebled by sickness, and devoured by vermin. How different a sensation is inspired by the sight of a well cultivated valley in England, sprinkled with cottages, and teeming with an industrious population, where the muchcalumniated climate is not only salubrious, but invites, and permits, both labour and exercise; and above all, where the proud axiom exists, that a slave cannot breathe in so fine an air.

The Asinaro disembogues itself near the Ballata di Noto, a small anchorage, near a point of land, with a few magazines on it, where the produce of the neighbouring country is embarked. It was between the Helorus and the Asinarus that, after several severe skirmishes, the battle was fought which completed the destruction of the Athenian invaders. It is commemorated by a circular column (now called Pizzuta), formed of huge stones, without cement, on a square pedestal of four steps, upon the very spot where the unhappy Nicias resigned his arms to Gylippus, and surrendered his wretched companions to a deliberately cruel slavery. It is surprising that the festival, instituted on this occasion, has been preserved through all changes of fortune, government, and religion, and is still celebrated (though now in honour of a saint) at Syracuse, in May, when two olive trees are borne in triumph into the city, and, during the fortnight they are allowed to remain there, debtors can roam about, free from molestation.

The neighbourhood teems with fragments of sepulchres, walls, antae, baths, and other vestiges of antiquity, supposed to consist principally of the ruins of Elorus and Icana; but very little has been found to give any precise information respecting them: the following is almost the only legible inscription that has been taken from thence, and is preserved, among several other relics, at Noto:

EnirYMNAZIAPXft
APIZTIflNOZ-TOYArAG
?I AlZTIXlNOZ-TOYEn IKPAT
N EANIZKOI-IEPHN EIO

Vindicari.—About four miles south-south-west half-west from the Ballata di Noto, beyond the pretty coves of Sta in Pace, lies Vindicari, a small port and caricatore, situated near the sandy marshes of Rovilta. These probably were once the port of Machara, vestiges of which town still exist in the vicinity. Vindicari is defended by a respectable tower of four guns; the southern point of the fort is formed by a small islet, called Macaresa, also bearing some antique remains on its west side. Refreshments may be procured, but not with facility.

Leaving Vindicari, a fine bay extends towards Marzamemi; and about the middle of it is a place called the Porticella di Reitano, where the common people, from tradition, believe an immense treasure to be buried; it has, in consequence, undergone some severe ransacking.

Marzamemi.—Four miles and a half from Passaro tower stands Marzamemi, a small filthy village, which, during the fishing season, is strewed with the blood and intestines of the tunny; as the people, however, are industrious, this Tonnara is one of the most profitable in Sicily, and there being a salt lake at the back of the Magazines, where the salt necessary for the establishment is made, the site is additionally valuable. The port, defended by a miserable towerbattery, is very small and shallow, with two low islets off it, affording but sufficient room for a few trading boats.

The coast, from Marzamemi to the southward, presents a barren, desolate appearance, and is nearly deserted, which, I believe, is principally owing to a dread of the Barbary cruisers. The soil is naturally fertile, and of a volcanic nature, disposed in horizontal strata of cinders and argillaceous tufa, in which other products are imbedded and intersected by lavas, containing, however, neither porphyry nor granite. Attempts have been made to improve these lands, but, as usual with the Sicilian agriculturalists, the desire of immediate re-imbursement makes them force newly-cleared grounds with successive crops of corn, until they become impoverished. The Prince of Giardinelli has founded the town of Pachino on the hills, the church of which, with the windmill near it, are conspicuous objects all round this part of the coast.

Passaro.—Below Pachino is a large valley, with an extensive salt lake, and two wells of fresh water between it and the sea. The evaporation occasioned by the heat of the sun causes the salt to crystallize near the banks of the lake. The canes and shrubs around are resorted to by a profusion of game. From the shape of the beach that shuts up this lake, I have no doubt of its having been once open, and that it was the Port Pachynus, where the Roman fleet was so disgracefully moored by the drunken Cleomenes, and where the hapless sailors were compelled by hunger to devour the roots of the dwarf palm, a plant that still flourishes in prodigious quantity.

On the point of the south part of the valley of Ginepre, and opposite Passaro Isle, is the large "tonnara" of that name, an establishment giving employment to about three hundred people, during the fishing season. Passaro Isle is composed of a curious aggregate of marble, lava, tufa, cinders, and oceanic deposits, and is high on all sides but the west, where it is joined to the main by a sandy spit, with two feet water on it. On its eastern point stands an excellent tower-redoubt for twelve guns, garrisoned by seventy-five men, with good bomb-proofs, stores, and cistern; it commands the island and coast for some distance, but would be infinitely more serviceable were a lighthouse erected on it, as this point is liable daily to be either the landfall or departure of various vessels.

This arid island, at the very extremity of the deserted wilds of Sicily, appeared, as if intended by nature and man, to be a place of banishment for the worst of criminals, under the control of some pardoned bandit; and on landing, the unfavourable prepossession was strengthened in my mind, by seeing two crosses among the dwarf herbage, to point out the spot where two murders had been perpetrated; though in Roman Catholic countries, crosses are, indeed, often erected, not only where murders have been committed, but also where a man has died suddenly by disease or accident, without the benefit of extreme unction. Our surprise, therefore, was great, on entering

the tower, to be met on the drawbridge by a veteran gentleman of the old school, with venerable white hair, and the order of Constantine decorating his neat, but antiquated, uniform coat; and still more, on his introducing us to his family, consisting of his lady, two grown-up daughters, and a son, who, with an air of politeness and good address, had been brought up on this sequestered spot. Our arrival was hailed by the family, the adjutant, and the chaplain, as a most auspicious event; and an hospitable kindness during the eight or ten days we had occasion to remain there, proved the sincerity of their professions. Still we found this remote community troubled with many of the agitations that disturb the peace of larger societies; and the old gentleman's vanity was conspicuous, by sending his invitations to our marquee on paper, stamped thus:

[graphic][merged small]

D. O R A Z I O
MOTTOLA

De' Marchesi dell' Amato, Maggiore de' R. Eserciti di S. M. (D. G.)
Comandante Proprietario del R. Forte, ed Isola di Capopassero, suo
Littorale, e di Real Ordine incaricato delle Funzioni di Commissario
Reale di Guerra del medesimo Forte, e Deputato d' Alta
Polizia, ec. ec.

This I have preserved, that the passing mariner, while he sympathizes (as is always the case) with the wretched people supposed to exist on so desolate a point, may, perhaps, be amused at a specimen of the Cape Passaro etiquette; and which will, at the same time' teach him that old officers can be found, who would rather shine in importance even there, than remain in insignificant obscurity in a to

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pachino marzamemi noto vendicari portopalo marza

permalink | inviato da Pachinos il 29/5/2013 alle 8:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
8 novembre 2010
Pachino Promontorio La Sicilia Rosolini sulla bonifica di Bommiscuro

sulla bonifica di Bommiscuro»

  • Domenica 07 Novembre 2010
  • Siracusa,
  • pagina 46

il sindaco savarino
Polemica tra Provincia regionale e Comune sulla bonifica della discarica di Bommiscuro. Il sindaco Savarino aveva indirizzato una nota al presidente Nicola Bono per sollecitarlo a emanare un'ordinanza nei confronti del responsabile della potenziale contaminazione ambientale (la ditta Sbi) affinché esegua gli interventi in tempi celeri.
La nota non è stata per nulla gradita dagli assessori provinciali Enzo Reale e Silvio Di Pietro, i quali hanno asserito che l'ente di via Malta ha già avviato tutti gli adempimenti necessari per giungere alla bonifica della discarica di Bommiscuro, accusando Savarino di «far finta di non conoscere la procedura» e di «attribuire inesistenti carenze alla Provincia».
«È veramente desolante la risposta degli assessori Di Pietro e Reale - replica il primo cittadino rosolinese - che dimostrano di non aver bene compreso né il tenore né le richieste della mia lettera inviata al presidente Bono (peraltro elogiato per il lavoro svolto proprio nell'ambito della tutela ambientale). Parlano di una conferenza dei servizi svoltasi a Palermo nel gennaio del 2009, ma fanno finta di non sapere che il Comune di Noto, sotto la cui giurisdizione ricade la discarica, a seguito del sopralluogo effettuato il 12 ottobre, ha espressamente chiesto alla Provincia di emanare l'ordinanza prevista dal 2° comma dell'articolo 244 del decreto legislativo 152/2006. Con la mia lettera ho voluto conoscere a che punto si era, a distanza di 20 giorni, con riferimento proprio a quella ordinanza che è preliminare a qualsiasi intervento, anche sostitutivo, di messa in sicurezza della discarica. Di fronte al problema Bommiscuro - prosegue il sindaco- che rappresenta un capitolo nero nella storia della nostra città e di molti rosolinesi, l'atteggiamento della Provincia dovrebbe essere di assoluta collaborazione e non invece occasione di inutile contrasto politico, a che serve? Da parte mia andrò avanti, senza allentare l'attenzione, fino a quando non si giungerà alla bonifica di quella discarica. E in questa battaglia, lo sappiano gli assessori Reale e Di Pietro, la città è unita».
Ce.Gal.


07/11/2010
16 maggio 2010
Pachino Promontorio La Sicilia Avola gli agricoltori vogliono stare dentro al Parco degli iblei..intelligenti...

«Vogliamo stare dentro il Parco»

Petizione degli agricoltori della zona sud appoggiati dai Verdi, ma il sindaco ribatte: «È tutto deciso»

  • Domenica 16 Maggio 2010
  • Siracusa,
  • pagina 38

Corrado martorana
Una raccolta di firme per fare inserire i propri terreni ricadano nel Parco nazionale degli Iblei. L'hanno presentata al sindaco Tonino Barbagallo, alcuni imprenditori agricoli della zona sud di Avola.
A farsi portavoce delle loro esigenze è un rappresentante del direttivo provinciale dei Verdi, Corrado Martorana: «È inconcepibile - rimprovera - includere all'interno dell'istituendo parco quelle sole aree già riconosciute ufficialmente come riserve naturali protette, come nel caso di Cavagrande del Cassibile».
Controbatte il sindaco Barbagallo: «Il progetto di delimitazione e la relativa zonizzazione deve ancora essere redatto. Certo è che, a rientrare nella perimetrazione saranno solo le zone agricole altamente produttive del centro-nord di Avola».
Barbagallo ritiene che gli imprenditori delle contrade Bochini, Fiumarella, Palmieri e Piano della Pace che hanno aderito alla raccolta di firme vadano esclusi a priori. Eppure Martorana puntualizza che le zone in questione siano aree di produzione di mandorle, olio di oliva, miele e due aziende vinicole. Non solo: «In questa zona vi sono anche due alberi plurisecolari censiti. Un olivo e un corbezzolo» spiega l'ambientalista.
Tutti requisiti, questi, che hanno spinto i Verdi ad allearsi con i produttori agricoli della zona sud della città e far sentire la loro voce. E, perché no, usando anche toni parecchio provocatori: «A prevalere sulle decisioni dell'amministrazione comunale è la lobby dei cacciatori» afferma Marorana.
Essendo consapevoli del fatto che il valore immobiliare dei manufatti e dei terreni ricadenti all'interno dei parchi già istituiti è cresciuto in maniera considerevole e che i prodotti agricoli che si fregiano del marchio di un parco assistono a un aumentono delle vendite pari al 15-20%, gli imprenditori agricoli chiedono solo «di avere una possibilità di rilancio».
Emanuela Tralongo


16/05/2010
15 maggio 2010
Pachino promontorio Marzamemi Vasche dell'acquario e serata a Marzamemi nel 1999

31 marzo 2010
Pachino Promontorio Dash francamente Ulisses messaggio fuori dal coro...l'ennesimo gruppo su Facebook che invoca sveglia...la veglia al morto che non resusciterà mai
ma cosa vuoi svegliare....hahahahahahahhaha mancu che bummi..è inutile..la inconsistenza si palesa come ostie in sagrestia...che anche se ingoiate non riescono a darvi un briciolo di pace e collaborazione interiore..paese di protagonisti e belli come il sole che spunta ogni mattina e il suo improcastinalibe tramonto...se le stesse persone che dovrebbero svegliarsi condizionano dall'interno il fare quotidiano mi spiegate da cosa e da dove volete partire per cambiare.?..prendi qualcuno che si è scordato chi è stato ed ora si presenta come il nuovo...ma per cortesia... la verità è che siete  tutti, dico tutti ammalati di protagonismo e la voglia di essere sempre e comunque i  capi di questi cabasisi vi condiziona nella vostra palese e fredda esistenza...se non collaborate e se non avete la cultura della collaborazione Pachino cosi è e cosi resterà nei secoli a venire..sia lodato
31 marzo 2010
Pachino promontorio giornale di siracusa.it economia wine-tour-per-un-nuovo-turismo-siciliano-le-strade-del-vino-aprono-itinerari-inediti
Successo delle Strade del vino del Val di Noto alla BMT di Napoli

Wine tour per un nuovo turismo siciliano
Le strade del vino aprono itinerari inediti

Stampa E-mail
di Sergio Molino   
Lunedì 29 Marzo 2010 - 21:41

Siracusa – Un nuovo percorso turistico si sta delineando in Sicilia. E’ quello dell’enogastronomia, un itinerario di gusto che si snoda attraverso viti, vigneti e prodotti della nostra terra.  Sono strade che conducono in Sicilia, una regione pronta a rivelare la sua millenaria storia attraverso la specificità dei prodotti locali, ormai matura per accogliere il sempre più esigente mondo dei gastronauti alla ricerca di inesplorati itinerari dove riuscire a coniugare storia, salute e buona tavola. La conferma arriva dalla Borsa Mediterranea del Turismo che si è conclusa ieri a Napoli e che ha tributato il successo, determinato dall’alto interesse degli operatori, per le Strade del vino del  Val di Noto e dei Castelli nisseni.

Un circuito comune che si caratterizza per gli unici sapori isolani valorizzati dalla degustazione del nostro vino. Lascia ben sperare l’assidua frequenza degli stands siciliani da parte degli operatori esteri, soprattutto scandinavi, incuriositi e interessati dalla presenza degli operatori enogastronomici dell’isola.

La Sicilia, il suo territorio, le sue bellezze naturali, la sua storia, i suoi monumenti, si preparano così ad allestire stimolanti wine tour capaci di regalare al turista inedite vacanze, in equilibrio perfetto tra rispetto per l’ambiente, esperienza culturale e suggestione per i paesaggi.

Iniziative che hanno già ottenuto un positivo riscontro a livello locale con l’organizzazione di visite guidate, che dai borghi marinari e la tonnara di Marzamemi proseguono verso profumate cantine dove esperti sommelier offrono un nero d’Avola abbinato a prelibati piatti nostrani. Escursioni durante le quali può capitare di affrontare brevi navigazioni alla scoperta di siti archeologici sommersi, che consentono di osservare i fondali marini mentre si continua a degustare, ad esempio, assaggi di squisiti pomodori di Pachino.

“La Borsa di Napoli è stato un appuntamento annuale fondamentale per incontrare i più importanti Tour Operators mondiali interessati al Sud Italia - dice Giuseppe Sessa, direttore della Strada del Vino e dei Sapori del Val di Noto. E' il primo anno che abbiamo deciso di proporre nei principali workshop italiani le nostre proposte di turismo culturale  enogastronomico, integrando le risorse turistiche al territorio e alla enogastronomia, presentando un catalogo unico nel suo genere caratterizzato dalla presenza di strutture turistiche ricettive di alto livello, assieme agli operatori e professionisti dell'incoming. Quest'anno alla BMT hanno addirittura creato, per la prima volta in Italia, una particolare sezione dedicata all'enoturismo. Ciò dimostra che i mercati sempre più si rivolgono a questo specifico settore che coniuga la scoperta del patrimonio culturale e naturalistico con la conoscenza dei cibi della tradizione abbinati ai vini caratteristici dei territorio d'appartenenza. Noi li proponiamo grazie al supporto di un sommelier giudice internazionale e attraverso dei menu a km 0 rigorosamente stagionali. Cibo, vino, cultura e tradizioni in un tutt'uno offerto a viaggiatori esigenti ma che, trattandosi di un turismo medio-alto, sono capaci di portare ricchezza alla nostra Terra. Per queste ragioni abbiamo deciso insieme con la Strada del Vino dei Castelli Nisseni, di essere presenti non soltanto ai workshop ma anche con uno stand, affiancando così località note ad altre da scoprire, in un offerta completa e variegata. Ci attendiamo adesso non solo una risposta positiva da parte dei Tour Operators, ma anche da parte delle istituzioni affinchè possano darci il necessario supporto per contribuire alla crescita della Sicilia come meta del turismo di qualità”.

C’è tutta la determinazione per costruire qualcosa di concreto che consenta di tradurre in sviluppo reale le interessanti prospettive che si presentano per questo settore. Il sud est siciliano si appresta a fare rete coinvolgendo, in un unico progetto, Ragusa e Siracusa chiamate a realizzare un forte polo d’attrazione alternativo al turismo tradizionale, con il quale può elaborare facili integrazioni.

“Non ci limiteremo a queste iniziative promozionali - ha dichiarato Sebastiano Barone, presidente della Strada del Vino del val di Noto - ma occorre una chiara condivisione d’intenti con soci e amministrazioni locali appartenenti al circuito turistico della Strada del Vino, durante una riunione programmata subito dopo le festività Pasquali, dove verrà discussa la strategia da mettere in atto e le iniziative già in essere per l'anno in corso. Di particolare importanza saranno la formulazione e l'applicazione di itinerari e percorsi enogastronomici, tipo wine tour, da proporre durante l'imminente stagione primavera/estate.”

 

 




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pachino portopalo marzamemi vendicari noto

permalink | inviato da Pachinos il 31/3/2010 alle 0:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
12 marzo 2010
Pachino Promontorio La Repubblica Palermo se la violenza rompe gli argini Pippo Russo
Se la violenza rompe gli argini del conflitto (Articolo Repubblica-Palermo)
Cari amici, ecco l'articolo che oggi è stato pubblicato da Repubblica-Palermo. Buona lettura.

Forse generalizziamo. E condizionati dall’emotività dell’immediato rischiamo di trarre conclusioni affrettate da fatti siciliani recenti. Eppure l’impressione che ne traiamo merita d’essere esternata, a costo d’incappare in un errore di valutazione e prospettiva. E tale impressione è quella di vivere nell’Isola un tempo improvvisamente incarognito, crudo per regressione dentro i gironi d’una violenza ferina. L’orrenda morte dell’avvocato Enzo Fragalà costituisce l’episodio più eclatante. Ma altri, seppur non tragici, sono avvenuti lasciando il segno. L’aggressione subita da Salvatore Maugeri, il sindaco di Mascalucia, a opera di un concittadino che ha visto non soddisfatta la richiesta di un posto di lavoro per un parente; e l’assalto a un bus dell’Amat a opera di un gruppo di ragazzi intenzionati a dare una lezione a due controllori. Episodi scaturiti in modo diversi (il primo a esprimere una violenza da frustrazione lungamente covata, il secondo segnato da un’esplosione incontrollata d’odio verso figure di pubblici ufficiali). Di sicuro, due circostanze di più facile lettura rispetto a quella di cui è stato vittima Fragalà; la cui interpretazione si era indirizzata dapprima verso la sfera delle questioni personali e professionali, per poi puntare verso gli ambiti della malavita.
Ma al di là della diversità degli accadimenti e della distinta soluzione che a essi sarà possibile dare in termini di repressione del reato, rimane come sfondo comune l’impressione di un mutamento di segno della violenza come codice espressivo nelle cose siciliane. Come se il clima culturale che presiede alla quotidianità minuta avesse segnato un improvviso scarto verso le maniere sanguinarie, trasformate in metodo corrente per risolvere le controversie. E come se l’idea stessa di conflitto sociale fosse diventata un filtro troppo debole per canalizzare l’animosità latente, naturalmente secreta da relazioni sociali che nascono con un segno opposto rispetto a quello del consenso. Il timore sottostante è che stia cedendo una grammatica del conflitto sociale, per effetto di un clima sociale corrosivo mai così prossimo a un’esplosione. Ché, come insegna il pensiero sociologico, il conflitto è già consenso, perché cristallizza l’idea che esso si conduca fra parti strutturate e intenzionate a confrontarsi alla ricerca di uno sbocco, seguendo il metodo di contrapposizione più o meno formalizzato che esse sanno darsi. E alla fine l’esito potrà accontentare tutte le parti in questione o scontentarne alcune a beneficio di altre, ma sarà comunque accettato come l’unico che potesse maturare nelle condizioni date. E invece i fatti citati aprono uno squarcio su uno scenario allarmante, fatto di soluzioni perentorie e cruente a liti che non fanno nemmeno in tempo a diventare conflitto e procedono dritto verso la soluzione immediata. Senza che venga accettato uno sbocco diverso dalla realizzazione dell’interesse egoistico.
Anche i ruoli rivestiti dalle vittime degli episodi sono indicativi del mutato clima culturale. Un avvocato con ampio pedigree politico, un sindaco, due pubblici ufficiali. I primi due rappresentano un’élite di particolare estrazione, in una terra nella quale la struttura del potere sociale non si è mai emancipata dalla matrice notabilare. I terzi incarnano, in qualche misura, l’autorità: normalmente, in Sicilia, oggetto di diffidenza e persino di dileggio laddove possibile, ma comunque qualcosa da tenere a distanza. Laddove la distanza significa anche reciproca preservazione e dunque mutua rassicurazione. L’attacco fisico cruento (e in un caso fatale) a figure di questo genere assume dunque un significato che va oltre i casi personali e le specificità che li hanno portati a maturazione. Ciò che emerge è la cancellazione di una barriera tra forme del potere esercitato (e percepito) in una società notabilare e reazione da esse alimentate. Come se d’un tratto si fosse smarrito il senso che alcune figure siano intoccabili. Quella del professionista che nell’esercizio del proprio ruolo può anche determinare un esito non gradito al committente (ciò che rientra nel ventaglio delle possibilità quando vengono maneggiate controversie dall’incerta conclusione); quella dell’esponente politico locale che gestisce il consenso attraverso il rapporto diretto, credendo che i tempi attuali consentano ancora un esercizio del genere; e quello dei pubblici ufficiali che applicano il loro compito e credono di potere ancora essere percepiti soltanto come “sbirri”, e dunque di potersi avvalere del costume diffuso per cui l’agire dello “sbirro” viene accettato “obtorto collo” come l’ennesima manifestazione di un’autorità ostile, quella dello stato. Tutto ciò pare messo pericolosamente in mora, mentre la Sicilia dei problemi eterni pare scoprire all’improvviso che l’Eternità non le basta più. E’ verso, forse stiamo soltanto dipingendo un quadro impressionistico, cadendo nell’errore di ingigantire nell’attualità cose che in altri tempi sono ugualmente accadute e erano soltanto state accolte da enfasi minore. Siamo i primi a augurarci che le cose stiano davvero così.
12 marzo 2010
Pachino Promontorio Pachino Promontorio una panoramica sulla costa costa ionica,Marzamemi,Spinazza,Bove Marino,Marzamemi di Notte

12 marzo 2010
Pachino Promontorio Pachino Promontorio una panoramica sulla costa costa ionica,Marzamemi,Spinazza,Bove Marino,Marzamemi di Notte

12 marzo 2010
Pachino Promontorio Video una panoramica sulla costa costa ionica,Marzamemi,Spinazza,Bove Marino,Marzamemi di Notte

3 gennaio 2010
Pachino Promontorio Commercio equo, riciclo e solfware libero: apre la citta etica

Commercio equo, riciclo e software libero: apre la “città etica”

pubblicato: lunedì 01 ottobre 2007 da Egilde in: Aventino - Testaccio - Ostiense Roma Economica Verde e ambiente Mercati

Commercio equo, finanza etica, turismo responsabile, agricoltura biologica, riciclo, software libero e chi più ne ha più ne metta. Da sabato a Testaccio c’è la città dell’Altra Economia, 3.500 metri quadri di spazio permanente ispirato a un’idea di economia diversa che anteponga l’attenzione per la persona a quello per il business.

Cosa potete trovare in questa speciale Città? Nove botteghe del commercio solidale, uno sportello di banca etica, 60 metri di spazi per dimostrazione e diffusione delle energie rinnovabili, un’esposizione di prodotti derivati dal riuso di materiali, agenzie di viaggio per prenotare un ”viaggio responsabile”, punti internet per usare software libero e produttori bioecologici. Non solo. La struttura ospita anche un’area per eventi, mostre, spettacoli e fiere.
E i numeri parlano chiaro: nel Lazio lavorano nel del no-profi 124 mila persone e ben 141mila volontari, il 19,7 per cento del totale di persone in Italia impiegate in questo settore.

Via | Romacittà


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. noto pachino marzamemi portopalo vendicari

permalink | inviato da Pachinos il 3/1/2010 alle 19:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
maggio        luglio