Pachino,Portopalo,Marzamemi...promontorio,noto,avola,siracusa,rosolini,ispica,pozzallo,siracusa,ragusa, Pachinos | Pachino Promontorio,pachino,portopalo,marzamemi | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

Internet-giornale, Pachino, Promontorio, Pachino, Portopalo, Marzamemi,Pachum.Pachynus
14 settembre 2011
La Sicilia Rosolini ,Noto.. Obiettivo: bonificare le discariche

Obiettivo: bonificare le discariche

Il sindaco Savarino vuole coinvolgere il collega di Noto per migliorare la gestione di Bommiscuro

  • Giovedì 08 Settembre 2011
  • Siracusa,
  • pagina 34

la discarica di bommiscuro
Due le questioni importanti che il sindaco Savarino chiede di affrontare con il collega di Noto Corrado Bonfanti: l'iter per la bonifica della discarica di Bommiscuro e un protocollo di intesa per una migliore gestione della contrada Codalupo.
In entrambi i casi la cogestione delle vicende amministrative nasce dal fatto che si tratta di zone vicine al Comune di Rosolini, ma giuridicamente appartenenti al Comune di Noto, che vanta un territorio vastissimo.
Contrada Codalupo, addirittura, giunge fino alle porte della città di Rosolini e sono quasi esclusivamente rosolinesi coloro che vi risiedono, nonostante la potestà territoriale sia a tutti gli effetti netina. 
L'interlocuzione per la bonifica della discarica di Bommiscuro era stata già portata avanti con il precedente sindaco netino, Corrado Valvo ed aveva visto la partecipazione anche della Provincia Regionale di Siracusa, che aveva invitato il proprietario del sito ad avviare un intervento di bonifica.
In caso contrario sarebbero stati gli Enti locali ad iniziare i lavori necessari per la riqualificazione, ritenuti urgenti per l'inquinamento rilevato in seguito alle analisi del terreno, salvo poi rivalersi economicamente sul proprietario del terreno. Il processo burocratico aveva subito anche un'accellerazione nei mesi primaverili, salvo subire poi una pausa di qualche mese nell'avanzamento dei lavori, dovuta soprattutto alle elezioni amministrative che nel mese di giugno hanno interessato il Comune di Noto. Adesso Savarino chiede di riprendere in mano le carte per chiudere definitivamente un problema che tante polemiche ha sollevato, oltre a creare allarme in città per eventuali ripercussioni sulla salute dei cittadini. L'attenzione della cittadinanza, infatti, continua ad essere viva sulla questione grazie anche all'operato di sensibilizzazione che alcune associazioni, come Vivere o Lara, portano costantemente avanti. Dovrà essere discussa anche la questione relativa contrada Codalupo, i cui residenti si lamentano di essere dimenticati in tema di servizi, tra cui, ad esempio, la gestione dello smaltimento e della raccolta dei rifiuti solidi urbano. Altro problema da affrontare è quello della presenza di eventuali sedi amministrative distaccate, che potrebbero facilitare l'interlocuzione con i cittadini in caso di necessita burocratiche. La soluzione potrebbe risiedere in un protocollo d'intesa, che specifichi quali le competenze economiche e di fornitura dei servizi di ciascun Comune. 
Santina Giannone


08/09/2011
sfoglia
giugno        ottobre