Pachino,Portopalo,Marzamemi...promontorio,noto,avola,siracusa,rosolini,ispica,pozzallo,siracusa,ragusa, Pachinos | Pachino Promontorio,pachino,portopalo,marzamemi | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

Internet-giornale, Pachino, Promontorio, Pachino, Portopalo, Marzamemi,Pachum.Pachynus
18 gennaio 2011
Pachino promontorio La Sicilia Siracusa Granata "Sindaci ignoranti"

Granata: «Sindaci ignoranti»

  • Lunedì 17 Gennaio 2011
  • Siracusa,
  • pagina 44

«Il Piano paesistico è uno strumento indispensabile: non inizi la sua demonizzazione e i sindaci si studino la normativa». A parlare è ancora una volta il deputato nazionale Fabio Granata, all'indomani delle dichiarazioni rese dai primi cittadini di Siracusa e Noto sulla bozza del Piano inviata dalla Regione che presenterebbe errori e bloccherebbe qualsiasi costruzione a servizio delle città. 
«Sorprende e imbarazza la campagna di demonizzazione del Piano paesistico - continua il vicepresidente della commissione nazionale Antimafia - che è partita non appena il nuovo corso della Soprintendenza, dopo enormi ritardi, ha reso esecutiva la normativa da me voluta nel 2003. Ciò che più sorprende è la totale ignoranza della normativa da parte di qualche sindaco». L'accenno di Fabio Granata è rivolto ai primi cittadini di Siracusa, Roberto Visentin, e di Noto, Corrado Valvo. Entrambi, infatti, hanno evidenziato alcune «anomalie» dello strumento che detterà le regole di tutela del territorio. In particolare, Valvo ha detto «no» a uno strumento che ingessa il futuro del territorio e prevede lo stop alla crescita della città laddove essa è iniziata, in totale contrasto con il Piano regolatore. Anche per Siracusa, inoltre, si svelano incongruità tra quanto dettato dal Piano paesistico e quanto già costruito o in procinto di essere realizzato.
«Il Piano - prosegue Fabio Granata - infatti è norma gerarchicamente sopraordinata ai Piani regolatori generali che se già approvati vanno modificati secondo i nuovi dettami. È logico che solo così può avere senso e valore la tutela del paesaggio che, lo dico soprattutto ai sindaci di Siracusa e Noto, è un valore immateriale ma anche patrimoniale per due città patrimonio Unesco».
In questa direzione, il gruppo di Futuro e libertà che Granata guida, ha preannunciato una serie di iniziative a difesa del Piano in tutta la provincia aretusea. 
Nel frattempo, oggi i 21 sindaci del territorio si riuniranno a palazzo Vermexio per discutere sul a farsi. È infatti in fase di analisi da parte dei rispettivi uffici tecnici la bozza del Piano paesistico inviata di recente dalla Regione ai Comuni siracusani. Questa dovrà essere discussa il prossimo 28 gennaio alla presenza dei sindaci e dei responsabili regionali, e da tale data sarà avviato l'iter per l'applicazione del Piano e delle sue norme di salvaguardia che saranno sovraordinate al Piano regolatore con le conseguenze che ciò comporterà, come più volte evidenziato dai sindaci e dagli imprenditori che dicono no a un Piano che blocca l'edilizia.
Ancora, il finiano Fabio Granata interviene sulla questione ambientale nel capoluogo aretuseo. E in particolare sulla questione dell'inquinamento da polveri sottili e sulla raccolta differenziata. «Siracusa è in piena crisi ambientale - dice Granata - per questa ragione faccio appello al ministro Stefania Prestigiacomo affinché coordini una nuova fase e misure straordinarie di intervento che vadano oltre la assenza dell'amministrazione comunale. La città del ministro dell'Ambiente non può continuare ad essere ultima in Italia sulla differenziata. Siamo pronti a collaborare ma su metodi e proposte chiare per risollevare la città da questo triste primato italiano».
i.d.b.


17/01/2011
7 gennaio 2011
Pachino Promontorio Avola Il saluto di Teofilo Belviso "Ringrazio la mia squadra"

Il saluto di Teofilo Belviso
«Ringrazio la mia squadra»

Dopo 7 anni alla guida del commissariato va a dirigere la sede di Augusta

  • Giovedì 06 Gennaio 2011
  • Siracusa,
  • pagina 35

La sede del commissariato di Avola e nel riquadro il dirigente Teofilo Belviso che dopo sette anni ...
Sette anni e quattro mesi alla guida del commissariato locale, oltre 250 arresti e un'operazione antidroga e antimafia memorabile. Il dirigente Teofilo Belviso lascia la sede di via Siracusa ufficializzando i risultati conseguiti durante il suo mandato.
Precisamente 264 gli arresti eseguiti da quando, nel settembre del 2003, giunse nella città dell'Esagono per dirigere il commissariato di pubblica sicurezza locale. Varie le tipologie di reato che hanno impegnato Teofilo Belviso e i suoi oltre trenta uomini: dagli scippi alle rapine, dallo spaccio di sostanze stupefacenti alle fiamme di natura dolosa appiccate a vetture e abitazioni; e ancora, dai tentati omicidi alle risse. La conoscenza del territorio e il fiuto della «squadra» di via Siracusa ha permesso, tuttavia, di cogliere in flagranza i responsabili di diversi colpi messi a segno in città: uno scippatore, gli esecutori di due tentati omicidi e di alcuni reati di natura furtiva. Nessuna tensione sociale eclatante ha contraddistinto gli anni in cui Belviso è stato al vertice del commissariato.
«L'unico momento un po' più delicato - precisa -, lo abbiamo gestito durante l'ultima edizione del Palio di Avola». Nell'operazione di maggiore rilievo, portata a termine nel luglio del 2008, denominata «Nemesi» vennero arrestate 50 persone.
«Con orgoglio posso dire che nessuno degli indagati è stato finora scarcerato e che anche nei confronti di chi ha scelto il rito abbreviato sono stati disposti non meno di dodici anni di reclusione».
Per i risultati raggiunti, il funzionario intende ringraziare i suoi agenti, per il loro impegno, la loro volontà e i loro sacrifici. E lo fa rifacendosi ad un antico proverbio: «Sono i soldati a fare il generale». Dal prossimo 10 gennaio Belviso passerà alla guida del commissariato di Augusta e cederà il suo incarico al trentottenne netino, Marcello Castello. Lascia con nostalgia Avola, «una città in cui vi è tanta laboriosità quanto spirito di rivalsa». Ed è alludendo all'antagonismo, fonte di parecchi attriti fra i cittadini, che Belviso lancia a questi ultimi un vero e proprio appello: «Questa città potrebbe offrire molto di più se ognuno agisse con meno astio».
Emanuela Tralongo


06/01/2011

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. avola augusta siracusa

permalink | inviato da Pachinos il 7/1/2011 alle 0:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
11 giugno 2009
Pachino Promontorio dal blog Palermoricordi per gli utenti picasaweb Operazione husky foto storiche
http://palermoricordi.blogspot.com/
Un sito che ho trovato per caso attraverso picasaweb seguendo le foto pubblicate nel raccoglitore  di  google
sfoglia
dicembre        febbraio