Pachino,Portopalo,Marzamemi...promontorio,noto,avola,siracusa,rosolini,ispica,pozzallo,siracusa,ragusa, Pachinos | Pachino Promontorio,pachino,portopalo,marzamemi | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

Internet-giornale, Pachino, Promontorio, Pachino, Portopalo, Marzamemi,Pachum.Pachynus
14 settembre 2011
La Sicilia Siracusa Ato idrico in tutela

Ato idrico «in tutela»

  • Martedì 13 Settembre 2011
  • Siracusa,
  • pagina 27

Mentre la politica siracusana litiga per la gestione dell'acqua il presidente della Regione, Raffaele Lombardo, affida all'attuale commissario del consorzio Ato, Gustavo Cardaci, i poteri non soltanto del consiglio di amministrazione dell'Ato ma anche dell'Assemblea dei sindaci. E li convoca immediatamente. Si terrà quindi oggi stesso la riunione tra il commissario e i sindaci.
Si susseguono intanto attacchi e contrattacchi. E interviene Sai 8 sulle critiche di certi settori della politica e il silenzio per la questione licenziamenti. Nella politica è la volta di Nino Consiglio e Bruno Marziano (Pd) i quali replicano al segretario del loro partito Giovanni Cafeo. Affermano che «le dichiarazioni di Cafeo sono state rese a titolo puramente personale in quanto non vi è mai stata alcuna riunione di organismi del partito per definire tali scelte di merito». E lo accusano di «essere poco informato o peggio fingere di esserlo».
Affermano poi di aver chiesto loro stessi la nomina del commissario straordinario all'Ato idrico per impossibilità di funzionamento del consiglio di amministrazione. «Infatti - precisano - i 4 consiglieri del centrosinistra che Cafeo definisce "assenteisti" hanno utilizzato lo strumento dell'assenza per contrastare le posizioni del presidente Bono e dei consiglieri della sua maggioranza palese ed occulta». 
Aggiungono poi che «la richiesta di commissariamento dell'Ato idrico è venuta anche dallo stesso presidente dell'Ato, Andolina, per lo stato di paralisi del consiglio». 
Smentiscono quindi «la presunta disponibilità della componente Marziano-Consiglio nei confronti della maggioranza del centrodestra siracusano». 
Sai 8 a sua volta «stigmatizza l'indifferenza» della politica sulla questione della «mobilità per alcuni lavoratori di Sai8». Ricorda peraltro «che le difficoltà che hanno causato la dolorosa decisione aziendale sono ben note da oltre un anno per la mancata consegna di alcuni impianti e per l'incredibile blocco, proprio a Palermo, di diversi progetti inseriti nel Pot.
«Nessun politico - aggiunge una nota di Sai 8 - si è occupato del caso; nessuno si è posto il problema delle inevitabili conseguenze che certi atteggiamenti di alcuni sindaci avrebbero potuto avere da lì a poco».
La nota ribadisce quindi che «il commissario si sta muovendo per il ripristino delle regole». Ribadisce anche il proprio rispetto per «l'autorevolezza del personaggio». 
Aggiunge inoltre che «per i distacchi dei contatori Sai 8 è ancora in attesa di conoscere i criteri per la valutazione dell'indigenza; e questi criteri deve stabilirli il Consorzio Ato».


13/09/2011

4 gennaio 2011
Pachino Promontorio La Sicilia inchiesta ato idrico Il presidente Bono incassa la solidarietà di 13 sindaci

'inchiesta sull'ato idrico

Il presidente Bono incassa la solidarietà di 13 sindaci

  • Lunedì 03 Gennaio 2011
  • Prima Siracusa,
  • pagina 29

la gestione idrica al centro del confronto
«In relazione all'indagine che ha coinvolto il presidente dell'Ato Idrico e che riguarda i rapporti tra l'Ato e Sai8, i sottoscritti sindaci dei Comuni della provincia di Siracusa, componenti dell'assemblea dell'Ato Idrico, esprimono al prewsidente Nicola Bono la loro più ampia solidarietà per la linearità e trasparenza con cui quest'ultimo ha sempre portato avanti i numerosi e prestigiosi incarichi pubblici ricoperti in 36 anni di onorata carriera politica».
Parole chiare, sottoscritte da Tonino Barbagallo (Avola), Massimo Carrubba (Augusta), Gaetano Pavano (Buccheri), Giuseppe Giansiracusa (Buscemi), Paolo Amenta (Canicattini), Nello Pisasale (Cassaro), Arturo Spadaro (Floridia), Corrado Valvo (Noto), Carlo Scibetta (Palazzolo), Michele Taccone (Portopalo), Antonello Rizza (Priolo), Nino Savarino (Rosolini) e Pietro Mangiafico (Solarino) a cuio si aggiungono quelle dei rappresentanti nell'Ato di Ferla e Sortino, entrambi commissariati, mentre nei giorni scorsi aveva espresso la propria vicinanza a Bono anche il sindaco di Siracusa, Roberto Visentin.
I sindaci «nel confermare la convinzione sulla correttezza della strada intrapresa dall'Ato idrico e dal suo presidente Bono circa i rapporti con Sai8, manifestiamo - inoltre - piena fiducia nella magistratura, tenuta alla verifica di ogni ipotesi prospettata, ed auspichiamo che possa presto essere messa la parola fine a questa vicenda».
«Bono - confermano i rappresentanti dei qundici Comuni - ha agito su mandato dell'assemblea dei sindaci, atteso che non è consentito a nessuno chiedere ai cittadini il pagamento di esose tariffe a fronte di conclamati e ripetuti disservizi nei comuni che hanno già ceduto gli impianti e le reti al gestore».
paolo mangiafico


03/01/2011

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ato idrico siracusa inchiesta Bono

permalink | inviato da Pachinos il 4/1/2011 alle 0:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
giugno        ottobre